mettere in sicurezza casa

Come mettere in sicurezza la casa?

Fai leggere questo articolo anche ai tuoi amici, condividilo

Fino a poco tempo fa, mettere in sicurezza la propria abitazione significava pensare a come fare per evitare furti in casa. L’attualità e la cronaca in questi ultimi mesi ha messo in luce un fenomeno emergente e preoccupante: quello delle case occupate abusivamente. Questo problema ha sicuramente dimensioni più rilevanti in centro in Italia; tuttavia il la viralità di queste notizie ha, da un lato generato allarme in tutta la penisola, dall’altro ha dato notorietà a fatti che potrebbero essere emulati.

Un problema espressione di disagio sociale

Il contesto sociale è tale per cui la difficoltà abitativa, soprattutto per alcune fasce di popolazione, cresce di giorno in giorno. La ripresa c’è, ma le difficoltà restano. Il disagio sociale non riguarda solo alcune etnìe o classi particolarmente disagiate. Il disagio purtroppo poggia su un sistema che si avvia a creare intere generazioni di poveri. Basti pensare ai giovani: Il tasso di disoccupazione giovanile in Italia supera quello della Grecia. Se consideriamo poi che l’equilibrio e la stabilità della fascia di popolazione più anziana, dipende da un patto intergenerazionale su cui si basa il sistema previdenziale, questo ultimo indicatore risulta ancor più preoccupante.

Il disagio sociale non deve diventare però una giustificazione ad un comportamento illegale. Occupare le case abusivamente non solo non è ammesso ma genera un effetto domino del problema. Il proprietario della casa occupata abusivamente avrà a sua volta una difficoltà concreta vista l’indisponibilità della sua abitazione. Ben vengano quindi iniziative politiche a supporto dei proprietari di case “abusate” e strette normative volte a snellire la procedura di riappropriazione dell’immobile da parte del proprietario.

Come possiamo ridurre il rischio di “occupazione indebita”?

Questo tema può produrre davvero sconcerto se pensiamo che gli ultimi casi di cronaca riportano situazioni in cui i legittimi proprietari si erano allontanati da casa solo per poche ore e per attività di routine come la spesa. Cosa possiamo fare per affrontare il quotidiano in uno stato di serenità? Non possiamo utilizzare gli spuntoni antintrusione per balconi, e forse non lo vogliamo nemmeno.

Tantomeno possiamo fare come gli antichi romani che per motivi di sicurezza avevano case senza finestre. In un tempo più recente invece in alcune tipologie di abitazioni indipendenti si usava cementare direttamente nel muro di cinta dei cocci di vetro per scoraggiare i malintenzionati.

Per fortuna il progresso e le nuove tecnologie ci offrono soluzioni di sicurezza più attuabili e più comode.

Potenziare la sicurezza nei punti di ingresso

Prima di potenziare casa nostra assicuriamoci di vivere in un contesto condominiale in cui vengono adottate tutte le misure di sicurezza. Oltre al monitoraggio con le telecamere sarà utile sensibilizzare l’Amministratore del condominio circa la necessità di strutturare un piano di controllo degli accesi ai non residenti. Potenziare la sicurezza di cancelli, portoni e ingressi dai box e cantine completeranno l’opera.

Vediamo adesso cosa fare a casa nostra. Fare una mappatura dei punti di accesso all’interno della nostra casa non sarà difficile. Porta d’ingresso, Finestre e se c’è ingresso di servizio.

Per le tre tipologie si serramenti esistono soluzioni altamente performanti, non solo a prova di ladro e di abusivo.

Porte Blindate e Finestre

Le porte Blindate disponibili in commercio sono tantissime ed alcune in particolare presentano delle caratteristiche antieffrazione davvero notevoli. Le porte blindate di Torterolo & Re, brand che noi distribuiamo da molti anni, offrono un continuo miglioramento delle performance antieffrazione. Le serrature ad esempio sono dotate di sistemi “intelligenti” in grado di avvertire la fuoriuscita del cilindro dalla sua posizione. Il cilindro è proprio il primo elemento della serratura che il ladro o l’abusivo tenteranno di estrarre per aprire la porta. Questo “avvertimento” fa si che la serratura si blocchi. Altri modelli di serrature sono dotati di piastra di protezione in acciaio anti-taglio e perforazione. Con questo meccanismo l’apertura forzata sarà davvero “mission impossible”.

Delle finestre se ne parla sempre in termini di risparmio energetico. Oggi invece visto il tema proviamo a immaginare lo stato d’animo del malintenzionato che vorrebbe sfondare una finestra Fortinfissi (altra nostra partnership top) con triplo vetro e magari proprio dei vetri IsoBLIND.

Si arrenderanno.

Le grate di sicurezza rappresentano proprio il tocco finale per mettere in sicurezza la casa. Noi di Cameroni Infissi ne proponiamo diversi modelli adatti a diverse esigenze architettoniche. Tutte le soluzioni proposte però hanno una caratteristica: un elevato livello di sicurezza. Realizzati con profili in acciaio robusti e indistruttibili, in acciaio zincato, antistrappo. Dotate sempre di serratura di sicurezza i cui cilindri si inseriscono profondamente nel telaio della grata stessa.

Insomma mettere in sicurezza la casa non è mai stato così opportuno come in questo momento anche dal punto di vista economico grazie al bonus sicurezza.

Fai leggere questo articolo anche ai tuoi amici, condividilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chat Cameroni Infissi
Invia