cameroni infissi

Rinnovare la casa con l’Ecobonus 110%

Fai leggere questo articolo anche ai tuoi amici, condividilo

Progettare il rinnovo della nostra abitazione secondo logiche di riqualificazione energetica consente una detrazione fiscale del 110%. La sola sostituzione degli infissi, decontestualizzata da un progetto di riqualificazione energetica, vede comunque la vantaggiosa possibilità di una detrazione pari al 50%.

Eccoci siamo appena rientrati dalle vacanze e non potevamo non affrontare questo argomento che ci ha tenuto con il fiato sospeso negli ultimi mesi.
Ad Agosto sono stati finalmente emanati i chiarimenti e i provvedimenti attuativi dell’ecobonus 110%. A questo punto dovremmo avere tutto ben chiaro prima di procedere alla definizione di un nostro progetto di ristrutturazione.
Negli ultimi mesi abbiamo riscoperto il senso della nostra casa e di quanto possa essere importante essere felici di abitarla, mantenerne il decoro e l’efficienza.
Perché non esiste un luogo più importante della nostra casa.

Perché l’Ecobonus 110%

Se ne parla da mesi e sono state dette molte cose a riguardo. Tra i sostenitori e i detrattori non è facile destreggiarsi e cogliere l’effettivo vantaggio di questo provvedimento. Per questo vogliamo dare il nostro contributo illustrando, con semplicità, gli aspetti più rilevanti.
Gli interventi previsti dal decreto rilancio ( DL 34/2020) sono finalizzati al conseguimento degli obiettivi di efficientamento energetico e di sicurezza antisismica previsti dal piano nazionale.

Chi potrà usufruire dell’ecobonus?

Come abbiamo detto più volte potranno usufruire dell’ecobonus tutti i proprietari di prima casa e seconda casa (a patto che sia una sola). le case potranno essere situate all’interno di condomini oppure potranno essere unità indipendenti. Inoltre ne potranno usufruire hotel e altre tipologie di esercizi commerciali. ad esempio uffici situati all’interno di condomini intestati a persone fisiche potranno beneficiare di questo vantaggio. gli interventi effettuati dal condominio saranno agevolati al 110% e imputate ai singoli condomini in funzione delle tabelle millesimali. Invece siamo ancora in attesa di sapere se tra queste attività potranno rientrare le sedi delle Onlus
Come abbiamo più volte detto non potranno usufruirne i castelli , abitazioni di tipo signorile, Unità immobiliari appartenenti a fabbricati situati in zone di pregio con caratteristiche costruttive, tecnologiche e di rifiniture di livello superiore a quello dei fabbricati di tipo residenziale. Le Ville e le abitazioni signorili.

In ogni caso per poterne usufruire è necessario che gli interventi previsti generino un salto di due classi energetiche, ove possibile. Ovvero se non possibile , il conseguimento della classe energetica più alta dimostrabile mediante l’attestato di prestazione energetica (APE) ante e post intervento.

Quali sono i lavori che consentono di usufruire del 110% di sconto fiscale?

I lavori che assicurano questo super sconto sono quelli che normalmente consentono il salto di classe energetica, altrimenti detti “trainanti”.

Gli interventi “trainanti” sono almeno di 3 tipologie:

1) Isolamento termico su oltre il 25% della superficie disperdente lorda. Il rivestimento, o il rifacimento superfici orizzontali, verticali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio, con materiali che rispettino i requisiti ambientali minimi.
Limiti di spesa detraibile:
50.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti site all’interno di edifici plurifamiliari;
40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da due a otto unità immobiliari;
30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da più di otto unità.

2) la sostituzione della caldaia a condensazione o a pompa di calore. In questo caso la spesa massima detraibile è di 30.000 Euro ad unità
3) Interventi antisismici: Spese fino a un massimo di 96.000 euro per unità immobiliare ubicata nelle zone a rischio sismico 1, 2 e 3

Il pagamento

Questo è uno degli aspetti più interessante del provvedimento. Come sappiamo tutti la detrazione è riconosciuta nella misura del 110% , da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo e si applica alle spese sostenute, per interventi “trainanti” e “trainati”, dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.
Il credito d’imposta, in alternativa, può essere ceduto. L’utente può effettuare la Cessione del credito all’impresa incaricata dei lavori, oppure ad enti terzi. Ad esempio le Banche che stanno già predisponendo prodotti specifici per supportare la clientela in questo delicato passaggio.

E le finestre?

Qui viene il bello.

Infatti in presenza dell’esecuzione di almeno uno degli interventi definiti “trainanti” anche la sostituzione degli infissi e delle finestre (addirittura anche della porta d’ingresso) beneficiano della detrazione del 110%.
Ma non solo.
Nel caso in cui, invece, non doveste effettuare interventi trainanti mantenendo l’esigenza di sostituire le finestre resta un convenientissimo 50%.
Questa è la percentuale detraibile per acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi e di schermature solari.
Immaginiamo cioè che non dobbiate effettuare interventi di riqualificazione energetica importanti, ma che vogliate rinnovare la vostra casa con la sola sostituzione solo gli infissi.

Rinnovare gli infissi

Conosciamo tutti l’impatto di questo intervento, la sostituzione delle finestre e degli infissi, sull’aspetto interno ed esterno della casa.
In alcune situazioni la semplice sostituzione degli infissi è sufficiente a conferire all’ambiente un aspetto molto curato e di rinnovata eleganza (alcuni modelli sono talmente belli da trasformare le tende in un vero e proprio elemento di disturbo!).
Allo stesso modo, la sostituzione delle persiane, magari utilizzando i nostri “Scuroni Dogati” può rendere la facciata della nostra casa molto più “appealing”.
In altre parole, tutti questi aspetti, come abbiamo detto più volte, accrescono il valore della nostra casa.
Con i tempi che corrono, caratterizzati da una forte volatilità e dalla necessità di affrontare cambiamenti, anche in tempi molto rapidi, potremmo anche voler ipotizzare un cambio di abitazione.
Magari per acquistarne una più grande che possa contenere il nostro “home office”.
Solo a per fare un esempio, nei paesi anglosassoni, il lockdown ha determinato una impennata di acquisti di case con giardino.
Insomma bisogna essere pronti ad ogni evenienza…le nostre case, in questo momento hanno la possibilità di essere rinnovate con forti vantaggi economici.
Secondo il portale casa.it “Molti acquirenti, per evitare le eventuali spese occorrenti per rimodernare o ristrutturare l’appartamento, scelgono i cosiddetti immobili ancora in costruzione” cioè sulla carta.

Quindi, tralasciando tutto ciò che riguarda il superbonus 110%, l’ acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi e di schermature solari prevede una detrazione fiscale molto conveniente pari al 50% del costo sostenuto.
Cameroni Infissi questo 50% ve lo sconta direttamente in fattura..

 

Come fare? quale Iter seguire?

Nel caso voleste effettuare un intervento di sostituzione degli infissi, delle finestre, basta una telefonata a Cameroni infissi al 0321 402530 per richiedere un preventivo.

Nel caso in cui, invece, foste nella condizione di ipotizzare un progetto di riqualificazione energetica, attraverso interventi “trainanti” per usufruire del 110% (e in questo caso vi ricordiamo che anche la sostituzione degli infissi usufruirebbe del 110%) fate la stessa cosa..: chiamate Cameroni Infissi al 0321 402530

Questo iter prevede una procedura puntuale e precisa: Visto di conformità, attestazioni e asseverazioni…ed è davvero importante predisporre una procedura corretta e coinvolgere i professionisti con le competenze adeguate. Le perizie e sopralluoghi, le spese preliminari di progettazione e ispezione e prospezione, se i lavori vengono effettivamente realizzati, sono detraibili nella misura del 110%.
Noi di Cameroni Infissi, con l’obiettivo di agevolare la nostra clientela, abbiamo sviluppato delle partnership con degli operatori in grado di assicurare l’esecuzione totale del progetto. Per esser chiari, non ci limitiamo a sostituire gli infissi ma favoriamo lo svolgimento dell’intero progetto di ristrutturazione, laddove richiesto, affinché il cliente possa usufruire del 110% anche sugli infissi.

L’opportunità è unica, assolutamente straordinaria e come diciamo spesso “il momento è adesso”! Quando ci ricapiterà di rendere la nostra casa ancora più bella?

Chiamateci, senza impegno, anche solo per una consulenza, o per scoprire i vantaggi di questo “super sconto fiscale”. Cameroni Infissi 0321 402530

Fai leggere questo articolo anche ai tuoi amici, condividilo
Chat Cameroni Infissi
Invia